Sabato 11, domenica 12 e lunedì 13 aprile il film “Moby Dick o il Teatro dei Venti” di Raffaele Manco sarà visibile on line sul sito e sulla pagina Facebook della compagnia. Attraverso questa modalità di condivisione, la compagnia del Teatro dei Venti intende far sentire la propria vicinanza al pubblico durante questo lungo periodo di chiusura, in attesa di tornare nelle piazze.

Il documentario ripercorre le tappe della produzione del fortunato spettacolo Moby Dick, Premio Ubu 2019, ma è al tempo stesso un racconto sui sogni, le ossessioni, le difficoltà connesse alla creazione artistica, e sul coinvolgimento di un’intera comunità.

Nel 2015 la compagnia teatrale di Modena decide di portare in scena uno dei più grandi romanzi della storia della letteratura: Moby Dick di Herman Melville. Lo spettacolo da subito manifesta tutta la sua complessità e nei tre anni a seguire mette a repentaglio il futuro stesso della compagnia. Una macchina teatrale di otto tonnellate e tredici metri di altezza che si sposta all’interno di una piazza con cento persone tra attori e figuranti. È la storia del Teatro dei Venti e della gestazione di un’opera mostruosa, di destini che si incrociano, di tempeste che si abbattono sulle speranze di donne e uomini. Ma è anche un po’ la storia di tutti noi, dei nostri sogni e delle nostre ossessioni. Di avere una ragione per vivere o morire.

Moby Dick ha vinto il Premio Ubu 2019 per il migliore allestimento scenico, il Premio Rete Critica 2019 per la progettualità/organizzazione, Last Seen 2019 spettacolo dell’anno per la rivista Krapp’s Last Post. Moby Dick è una produzione Teatro dei Venti, co-prodotta da Juros Svente – Klaipeda Sea Festival (Lituania), con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Modena, della Fondazione di Modena, con il contributo del Comune di Dolo (VE) in collaborazione con l’Associazione Echidna.

Riportiamo di seguito il link diretto per guardare il film “Moby Dick o il Teatro dei Venti”, ricordando che il documentario sarà disponibile in streaming dalle ore 10.00 di sabato 11 aprile alle ore 23.59 di lunedì 13 aprile.

Guarda il documentario