Biblioteca digitale

La Cronaca di Tommasino de’ Bianchi

Un importante monumento di storia modenese dal 1506 al 1554. Un diario che dura quasi cinquant’anni, ricco di vicende politiche, sociali ed economiche di un tempo ormai lontano.

I diari del Lancellotti rivelano la personalità dell’autore, vero uomo del suo tempo: severo, moralista e talvolta misogino, animato da una religiosità incline alla superstizione, molto attento alla propria posizione sociale ed economica. Personaggio di notevole rilievo, giudice delle vettovaglie, tesoriere della comunità di Modena e cassiere del Monte di Pietà, Tommasino restituisce una finestra sulla società e sulla politica locale ed internazionale. Il suo ruolo di nobile e magistrato non entra in contraddizione con quello di cittadino del suo tempo, che racconta anche dicerie di strada, previsioni di astrologi, aneddoti curiosi talvolta personali, ben consapevole di rivolgersi ad un pubblico di concittadini.

Intromissioni dialettali ed espressioni pittoresche colorano l’italiano cinquecentesco, rendendo la cronaca curiosa anche per lettori non specialisti, interessati a conoscere la Modena antica raccontata da un uomo del tempo.

Il manoscritto, conservato oggi presso la Biblioteca Estense di Modena e già oggetto nell’Ottocento di un’edizione fortemente manipolata, a partire dal 2015 viene finalmente pubblicato da Fondazione di Modena nella sua versione completa a cura di Rolando Bussi e Carlo Giovannini.

DHMoRe, il Centro Interdipartimentale di ricerca sulle Digital Humanities, ha acquisito il testo in vista di una futura digitalizzazione. Tra i potenziali sviluppi della piattaforma Lodovico c’è infatti anche l’edizione digitale della Cronaca di Tommasino così come di altre cronache della prima età moderna di Modena.

La Cronaca di Alessandro Tassoni seniore

On line la pubblicazione curata da Rolando Bussi contenente la trascrizione della Cronaca di San Cesario (dalle origini al 1547) e della Cronaca di Modena (1106-1562) di Alessandro Tassoni seniore, nonno del più celebre Alessandro Tassoni autore della Secchia rapita. Il libro, edito nel 2014 dalla Fondazione di Modena, è disponibile anche al prestito.

Farmacia storica dell’ex Ospedale Sant’Agostino di Modena

Il libro, edito dalla Fondazione di Modena nel 2012, descrive in modo minuzioso le tappe dell’intervento di restauro concluso nel 2011 e condotto sotto la guida della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia-Romagna che ha riportato all’antico splendore la farmacia del Grande Spedale di Modena, inaugurato dal Duca Francesco III nel 1758.

Viene inoltre descritta l’iconografia della volta dipinta ad affresco nell’Ottocento dagli artisti modenesi Camillo Crespolani e Luigi Manzini e vengono presentate le ricerche storiche condotte in questa occasione relative alle preziose scaffalature settecentesche in legno d’acero.

Stanze ottocentesche del Palazzo Ducale di Modena

Il volume (Stanze ottocentesche del Palazzo Ducale di Modena. Modena, Fondazione Cassa di risparmio di Modena, 2003, 47 p.) descrive l’apparato iconografico e il recupero pittorico di undici sale del Palazzo Ducale di Modena decorate da artisti modenesi nella prima metà dell’Ottocento su commissione del duca Francesco IV d’Austria Este. Si tratta di sale prospettanti su Corso Cavour e particolarmente interessanti in quanto escluse dal normale percorso di visita guidata e il cui restauro, finanziato dalla Fondazione di Modena nel 2003, è stato eseguito sotto la direzione della Soprintendenza.

Gli Estensi e il Cataio

Il libro, promosso dalla Fondazione di Modena in collaborazione con il Dipartimento di Scienze del Linguaggio e della Cultura dell’Università di Modena, intende ricostruire la storia della collezione d’arte del nobile padovano Tommaso Obizzi che, alla sua morte, nel 1803, passerà in eredità alla casata austro-estense assieme al castello del Cataio a Battaglia Terme nei pressi di Padova. Con la fuga di Francesco V da Modena nel 1859, numerosi oggetti d’arte di questa eterogenea collezione composta da oltre 600 quadri, antichità, libri e strumenti musicali saranno trasferiti a Vienna. La Galleria Estense possiede un nucleo di dipinti del lascito Obizzi fra i quali spicca il celebre altarolo portatile di El Greco.

La Chiesa di San Barnaba a Modena

Il piccolo volume è stato pubblicato nel 2003 a seguito dell’intervento di restauro eseguito dallo studio Mazzi e Zanetti Architetti Associati sotto la direzione della Soprintendenza grazie al contributo della Fondazione di Modena. La chiesa barocca, chiusa dal 1996 a causa delle lesioni provocate dal terremoto, è stata riaperta ufficialmente al pubblico il 18 ottobre 2003.

Complesso dell’ex Ospedale Sant’Agostino

Voluto dal Duca Francesco III nel 1753 come Grande Spedale degli Infermi e successivamente ampliato, il Complesso dell’ex Ospedale Sant’Agostino presentava all’interno due altari, uno dedicato a San Giobbe, l’altro dedicato a San Nicolò. Nel 1773 venne edificato l’Oratorio di San Nicolò dove venivano celebrate le esequie. Nello stesso anno venne costruito il Teatro Anatomico per iniziativa dell’anatomista Antonio Scarpa, restaurato di recente dall’Università di Modena. L’elegante facciata presenta inferriate di Giovanni Battista Malagoli (1729-1797), autore anche della cancellata dell’atrio posata nel 1759 e sormontata dall’insegna della mano aperta e dal motto “patet omnibus” ad indicare che l’assistenza è aperta a tutti. Fa parte del complesso anche l’antica farmacia ricondotta all’antico splendore dal recente restauro. Con il trasferimento dell’ospedale a Baggiovara, il complesso diviene fulcro di AGO – Modena Fabbriche Culturali, il progetto che coinvolge le istituzioni culturali che operano negli spazi che si affacciano su Largo Porta Sant’Agostino a Modena: il Palazzo dei Musei (antico Albergo dei Poveri), l’ex Ospedale Estense, la Chiesa di Sant’Agostino.

Bibliografia*

Libri disponibili presso la Biblioteca della Fondazione di Modena (prestito):

Gli ospedali a Modena: le confraternite, il duca e la Comunità, di Paolo Bernabiti. Modena, Il Fiorino, 2008, 87 p.

E venne il Grande Spedale: il sistema ospedaliero modenese dalle origini settecentesche ad oggi, di Andrea Giuntini, Giuliano Muzzioli. Modena, Azienda USL Modena, 2005, 156 p.

Per una storia della pubblica assistenza a Modena: modelli e strutture tra ‘500 e ‘700, di Daniela Grana; edizione a cura di Giordano Bertuzzi. Modena, Aedes muratoriana, 1991, 128 p.

Il rinnovamento edilizio a Modena nella seconda metà del Settecento, volume 3, di Giordano Bertuzzi; con contributi di Graziella Martinelli Braglia, Orianna Baracchi Giovanardi. Modena, Aedes Muratoriana, 1983, 256 p.

Una forma per la carità: il grande albergo dei poveri di Modena, di Giuliana Marcolini. Roma, Kappa, 2003, 205 p.

L’Ospedale Estense di Modena, ex ricovero di mendicità, documentazione e cura di Paolo Bernabiti, S. l., s. n., 2010, 47 p.

Il restauro del teatro anatomico di Modena, testi di: Anto De Pol, Elena Corradini, Elisabetta Vidoni Guidoni…. Modena, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, 2017, 31 p.

Musei universitari modenesi, a cura di Antonio Russo e Elena Corradini. Bologna, Editrice Moderna, 2008, 191 p.

Farmacia storica dell’ex Ospedale Sant’Agostino di Modena: il restauro, a cura di Corrado Azzollini. Modena, Fondazione Cassa di Risparmio, 2012, 138 p.  In calce al frontespizio: Ministero per i Beni e le Attività culturali (disponibile anche in formato digitale).

La farmacia del Grande Spedale e il progresso della farmacologia a Modena nel XVIII e nel XIX secolo, di Tiziana Vecchi. Piacenza, Accademia italiana di storia della farmacia, 2001, pp. 176-181. (Estratto da: Atti e Memorie, 2001, n. 3.

Inediti di architettura modenese dal XVII al XIX secolo, saggio di Orianna Baracchi in “Atti e Memorie” Serie XI, volume XXIV. Modena, Deputazione di Storia Patria per le antiche provincie modenesi, 2002, pp. 150-154 sulla “Spezieria dell’Ospitale”.

Porta S. Agostino e dintorni. Fotocronache modenesi, volume 1, di Giuseppe Panini. Modena, ARMO, 1993, 127 p.

L’arte muraria a Modena: storia di uomini e di pietre dall’età romana ai primi del Novecento. Modena, Aedes Muratoriana, 1993, 198 p.

Libri e opuscoli disponibili presso la Biblioteca dell’Accademia di Scienze Lettere e Arti di Modena (prestito e/o consultazione):

Lo stemma dell’ospedale di Modena, di Paolo Forni. Reggio Emilia, Società editrice AGE, 1957, pp. 304-308. Estratto da: Atti del primo Congresso italiano di storia ospitaliera.

L’Hospitale di Sancto Giob di Modena: note d’archivio sull’ospedale dei celtici, di Orianna Baracchi. Modena, s.n., 1982, pp. 17-19. Estratto da: Bollettino dell’Ordine dei medici di Modena, 31 (1982), fasc. 1.

L’opera dell’Ospedale congregazionale durante la guerra mondiale, 1915-1919: relazione del direttore dott. Giovanni Guicciardi letta per la solenne distribuzione delle medaglie ai benemeriti dell’istituto durante la guerra, 7 dicembre 1919. Modena, tip. A. Cappelli, 1920, 62 p.

Osservazioni critiche e informative sulla parte del rapporto della Commissione Comunale del maggio 1869 pubblicato nel maggio 1870 riguardante il nuovo stabilimento sanitario di Modena, lette al Consiglio Comunale il 31 maggio 1870 dal cons. Colli. Modena, Antonio ed Angelo Cappelli, 1870, 25 p.

Il patrimonio storico-artistico della Congregazione di carità in Modena. Modena, U. Orlandini, 1920, 106 p.

L’edilizia pubblica nel Ducato estense da Francesco III ed Ercole III, di Marinella Pigozzi. Firenze, Leo S. Olschki editore, 2000, pp. 463-510. Estratto da: “L’edilizia pubblica nell’età dell’Illuminismo” tomo 2° a cura di Giorgio Simoncini.

Relazione sui lavori di riduzione del fabbricato vecchio ospitale per rimettervi lo stabilimento sanitario. Modena, Tipi di N. Zanichelli e Soci, 1874, 30 p. (Biblioteca Poletti in sola consultazione).

Testi digitalizzati:

L’Ospedale di Modena e la sua parrocchia: notizie storiche, Evaristo Gatti. Parma, Tip. Fresching, 1928, 231 p.

L’Ospedale di Modena, di Pericle Di Pietro; edizione a cura degli istituti ospedalieri di Modena.  Modena, Bassi e Nipoti, 1965, 165 p.

Gio. Battista Malagoli fabbro-ferraio modenese, di Giorgio Ferrari-Moreni, Modena, Tipografia Legale Manni e Tonietto, 1886, 20 p.

Vicende della bottega artigiana del fabbro Giambattista Malagoli, di Graziella Martinelli Braglia. Estratto da: Musei ferraresi, n. 8 1978-1981, pp. 75-90.

Le pitture, e sculture di Modena, di Gian Filiberto Pagani. Bologna, A. Forni, 1974, 218 p.
(Spezieria dell’Ospedale: pp. 208-211). Ristampa anastatica dell’ed.: Modena, per gli eredi di Bartolomeo Soliani, 1770 (Google books)

Il rinnovamento edilizio a Modena nella seconda metà del Settecento, volume 3, di Giordano Bertuzzi; con contributi di Graziella Martinelli Braglia, Orianna Baracchi Giovanardi. Modena, Aedes Muratoriana, 1983, 256 p. Consultabile su Internet Archive:

Comunicazione al Consiglio comunale sulla necessità di provvedimenti amministrativi a riguardo dell’ospedale mantenuto dalla Congregazione di Carità, letta nella seduta 2 agosto 1872. Modena, Zanichelli e Soci, 1872, 27 p.

*Per questa bibliografia ringraziamo il collega Umberto Fedrezzoni, la dott.ssa Milena Ricci, Bibliotecaria Generale dell’Accademia di Scienze Lettere e Arti di Modena e la dott.ssa Micaela Giglio, Bibliotecaria dell’Accademia. I testi in pdf sono stati tratti dalla Biblioteca digitale dell’Accademia Nazionale di Scienze Lettere e Arti consultabile a questo link Biblioteca digitale – Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Modena (accademiasla-mo.it)


Contatti

Per informazioni:

Stefania Ferrari / biblioteca@fondazionedimodena.it

T. 059/239888 – ore 8:30 – 13:00