Palazzo Montecuccoli di Modena

Palazzo Montecuccoli degli Erri sorge dove un tempo si innalzava l’antica chiesa di San Biagio, abbattuta per volere del Duca Francesco III nell’ambito del progetto di sistemazione del tracciato della via Emilia. L’edificio fu costruito tra il 1773 e il 1776 quindi venduto ai Conti Munarini. Successivamente divenne di proprietà della famiglia Montecuccoli degli Erri.

L’aspetto attuale è dovuto agli interventi realizzati alla fine dell’800 dall’ingegner Vincenzo Maestri per conto del marchese Giuseppe Montecuccoli degli Erri.

Particolare attenzione meritano gli affreschi del Salone d’onore: in un riquadro al centro del soffitto a volta è raffigurato Apollo che guida il carro del Sole. Attorno a questo altri quattro riquadri raffigurano scene della vita di Bacco. Gli affreschi si ispirano probabilmente a quelli seicenteschi, opera di Giovanni Boulanger, della Galleria di Bacco del Palazzo Ducale di Sassuolo.

Nel Salone è riconoscibile l’intervento di un artista neoclassico del primo Ottocento, con tutta probabilità Giuseppe Zoni, di cui sono documentate opere di riqualificazione pittorica nel palazzo del marchese Giuseppe Carandini in via dei Servi.